11 luglio 2007 | |

Giampaolo Fabris promuove a pieni voti la search advertising

Lupi in fabula… proprio mentre scrivevo della percezione della keyword advertising da parte dei blogger italiani secondo la ricerca di Diario Aperto, Mauro Lupi ha pubblicato un post nel suo blog che affronta il tema più generale dell’invasività della pubblicità online.

Lo spunto è un articolo del sociologo Giampaolo Fabris apparso su Affari&Finanza di lunedì 9 luglio.

In sintesi, Fabris afferma che la publicità online è troppo invasiva:

Vi sono molte evidenze che, a meno che non sia l’utente a cercarla […] la pubblicità in Rete viene guardata con un crescendo di insofferenza. […] Perché gli internauti, che pure hanno un atteggiamento laico nei confronti della pubblicità, non l’amano affatto a casa loro. Internet, per gran parte del suo pubblico, è potersi muovere liberamente in Rete senza vincoli e senza costrizioni. Un’insofferenza anche motivata dalla diffusione dello spamming, in genere a contenuto pornografico. […] Ben diverso quando, mettendo a sistema la impressionante mole di dati che i motori di ricerca dispongono, verrà offerta una pubblicità coerente ai propri gusti, aspettative e stile di vita.

In parole povere, Fabris salva la search advertising, e mette tutto il resto in un enorme calderone assimilato alla componente più deteriore della pubblicità online, lo spamming.

Che dire? E’ un po’ il destino della reclame, quello di essere criticata per la sua invasività, salvo poi rimanere il pilastro su cui si poggia tutta la media economy, sia new che old. In questo senso ha ragione Lupi che ha così replicato indirettamente nel suo blog:

Ditemi una forma di pubblicità che sia apprezzata dai destinatari; ovvio che se chiedi a qualcuno “ma a te piace la pubblicità su internet”, la risposta sia “no”. Pensate invece che se lo chiedete a proposito di TV, radio o stampa le risposte siano “wow, certo! adoro lo spot che interrompe il film”, oppure “non vedo l’ora di sporcarmi le mani di colore su quei paginoni pubblicitari interni al quotidiano”?

Come ho già detto nel post precedente, credo che per quanto invadente la pubblicità sia accettata un po’ da tutti, chi più chi meno. Alla maggior parte delle persone in realtà non piace, più che la pubblicità, l’idea di essere influenzata da essa.

Detto questo, vorrei rispondere all’invito di Lupi Ditemi una forma di pubblicità che sia apprezzata dai destinatari. Io dico la search advertising, o keyword advertising che dir si voglia.
Quella nei motori di ricerca è l’unica forma di pubblicità esistente che il consumatore attivamente decide di fruire. E’ la vera novità pubblicitaria portata dalla rete, e non a caso su di essa Google ha costruito il suo impero.

Se sarà impero del Bene o del Male…. ai post l’ardua sentenza.


Be Sociable, Share!