18 giugno 2008 | |

Bill Gates rinuncia a Yahoo e lancia Microsoft Advertising

La pubblicità è l’anima del commercio anche in Internet, e oramai l’ha capito anche Microsoft, sia pure con ciclopico ritardo rispetto a Google e Yahoo, tanto è vero che essa arriverà a totalizzare il 25 per cento del fatturato della casa di Redmond nel giro di qualche anno.

L’annuncio è stato dato da Microsoft proprio nel tempio della pubblicità, il Festival Internazionale della Pubblicità di Cannes. Queste le parole ufficiali:

Microsoft Advertising è il nuovo marchio con il quale stiamo realizzando i nostri servizi e le nostre piattaforme, per soddisfare le richieste che ogni giorno arrivano dai nostri partner, aziende e editori. Abbiamo investito e stiamo investendo in acquisizioni, tecnologie e programmi di formazione e adesso siamo in una posizione che ci consente di riunire tutte le nostre conoscenze nel settore pubblicitario in un’unica soluzione. L’accordo con Yahoo! avrebbe reso le cose più veloci, ma non avrebbe cambiato una strategia che abbiamo già avviato“.

Dunque, anche se il principale investimento in acquisizioni sembra essere sfumato definitivamente, Microsoft non può che perseverare nella strategia di rincorsa a Google.

Siamo impegnati nel campo dei media digitali più di ogni altra azienda del settore, abbiamo investito 6 milioni di dollari nella ricerca sui media digitali in Europa con studi ad hoc e su misura, tra cui Screens, MTV, Context Matters e Social Networking. Abbiamo, attraverso i nostri mezzi, già oggi la capacità di raggiungere il 68% degli adulti online in Europa. L’acquisizione e l’integrazione delle risorse Aquantive consentono a Microsoft Advertising di acquistare e vendere inserzioni digitali ovunque e in qualsiasi momento, raggiungendo i consumatori nella loro vita di tutti i giorni.

Se è vero che nel settore del Display Advertising Microsoft può velocemente recuperare terreno, e che nel Social Advertising siamo agli inizi e dunque Bill Gates si è mosso per tempo, è nella Search Advertising che il ritardo sembra incolmabile, anche se a Cannes Microsoft ha annunciato l’apertura di un nuovo Search Tecnology Center in Europa, simile a quello già aperto in Cina.

Be Sociable, Share!