14 luglio 2010 | |

La Finlandia sancisce il diritto al Web

Per la prima volta al mondo, gli abitanti di una nazione hanno, tra i loro diritti, l’accesso alla banda larga, il governo finlandese ha infatti approvato definitivamente la legge sul diritto alla connessione internet e, a partire dal prossimo mese, ogni abitante della Finlandia avrà diritto ad una connessione broadband con banda di 1 Mbps.Ma il governo finnico è andato oltre, impegnandosi a portare, ad ogni abitante, una connessione a 100 Mbps entro il 2015, mentre entro il 2012 ogni connessione dovrà avere una banda minima garantita di 2 Mbps (anche se ciò non è sancito dalla nuova legge approvata).
Il ministro delle comunicazioni finnico, Suvi Linden, ha dichiarato che i servizi offerti tramite Internet non possono essere più visti come servizi solo per l’intrattenimento, per questo si è voluto garantire il diritto alla connessione e si stima che il 96% della popolazione finlandese dispone di accesso alla rete.
In tutto il mondo si sta diffondendo sempre di più l’opinione che le varie nazioni siano restie a sancire la banda larga un diritto, a causa delle pressioni dell’industria cinematografica e musicale. Se i cittadini avessero diritto ad una connessione broadband per legge, infatti, diverrebbe molto difficile, per le Major, avviare azioni legali volte alla privazione dell’accesso alla rete.
In questo scenario, le politiche attuate dal governo finlandese costituiscono un esempio lampante: in Finlandia le leggi antipirateria prevedono che gli operatori possano inviare avvisi a chi scarica o condivide illegalmente materiale coperto da diritto d’autore, ma non è prevista la possibilità che a questi utenti venga tolto l’accesso ad Internet.
Fonte: pctuner.net

Be Sociable, Share!